Chiudi

Partiamo dal principio, cos’è un impianto radiante?

Il principio in base di questa tipologia di impianto è quello dell’irraggiamento – ovvero

il calore generato dall’acqua che passa nella serpentina viene trasmesso via via verso l’alto, fino a irradiare l’ambiente della stanza in maniera costante e uniforme.

Attraverso questa proprietà, il calore si diffonde in modo omogeneo.

In questo modo, il riscaldamento a pavimento supera il limite dei sistemi di riscaldamento tradizionali. Che è quello di tendere a concentrare il calore nelle zone più vicine alla fonte di emissione (cioè il termosifone).

Immagine che spiega l'irraggiamento di un impianto a pavimento a confronto di uno tradizionale
(Immagine preda da: https://www.klimaleader.com/riscaldamento-a-pavimento/)

TIPOLOGIE

A PAVIMENTO
A PARETE
A SOFFITTO

BENEFICI DELL'IMPIANTO RADIANTE:

La scelta di un impianto radiante ti permette:

RISPARMIO ENERGETICO

MAGGIOR COMFORT

LIBERTÀ DI ARREDAMENTO

POSSIBILITÀ DI ACCEDERE A INCENTIVI FISCALI

IMPIANTO RADIANTE A PAVIMENTO

PRO

  • COMFORT

    L'impianto a pavimento permette di avere un calore uniforme in tutta la casa, senza zone fredde.

  • RISPARMIO

    L'impianto radiante rispetto ai sistemi di riscaldamento più tradizionali (termosifoni) permette un risparmio energetico del 30% se abbinato ad un generatore concepito per lavorare a bassa temperatura (pompe di calore e caldaie a condensazione).

  • BASSE TEMPERATURE

    L'acqua calda di un impianto a pavimento è compresa mediamente tra i 30° e i 40° mentre per i termosifoni è tra i 50° e i 70°.

  • ADATTABILITÀ

    Si adatta perfettamente a sistemi che utilizzano fonti rinnovabili, quali: pompe di calore, caldaie a condensazione e pannelli solari termici.

  • RAFFRESCAMENTO

    Immettendo acqua fredda nell'impianto si ottiene un impianto a raffrescamento sempre secondo il principio dell'irraggiamento.

  • LIBERTÀ DI ARREDAMENTO

    L'impianto essendo posizionato al di sotto del pavimento permette di recuperare molto spazio nelle stanze.

    Libertà anche nella scelta della pavimentazione poiché non si registrano variazioni significative nella resa termica dei vari materiali.

  • AMBIENTE SANO

    L'impianto a pavimento fa sì che non si creino polveri che, sollevandosi, potrebbero dar vita a fenomeni di allergie.

    Il fatto che ci sia un calore uniforme, fa in modo che non si creino muffe e la conseguente poca umidità riduce la presenza di acari.

  • DETRAZIONI FISCALI

    Il passaggio a generatori di calore alimentati da fonti di energia rinnovabile è incoraggiata con Detrazioni Fiscali per tutelare l’ambiente e assicurare alle generazioni future una sempre più elevata qualità di vita attraverso la riduzione del consumo di combustibili fossili.

CONTRO

  • ACCENSIONE

    Negli impianti radianti tradizionali è sconsigliata l'accensione e lo spegnimento ad intermittenza dati i tempi di reazione lunghi.

  • RIFACIMENTO PAVIMENTO

    Per l'istallazione di questo genere di impianto su una casa già esistente deve essere considerata la rimozione del pavimento già esistente per consentire la posa dell'impianto a pavimento.

TIPOLOGIE DI IMPIANTI A PAVIMENTO:

A UMIDO

Con il termine “umido” nel contesto di impianti, si intende appunto un impianto “annegato” in un massetto cementizio (sabbia e cemento).

SI PUÒ TROVARE IN DUE VARIANTI DI SPESSORE:

CLASSICO:

  • Lo spessore maggiore dato dalla caldana che crea parte della struttura pavimentale principale;
  • Tempi di riscaldamento e raffreddamento lunghi a causa dello spessore del massetto;
  • Installabile su pavimentazioni già esistenti;
  • Adatto a tutte le tipologie di casa.

A BASSO SPESSORE:

  • Spessore inferiore (dai 34mm ai 24 mm di massetto a cui aggiungere lo spessore della pavimentazione);
  • Tempi di riscaldamento e raffreddamento più veloci dato dal fatto che lo spessore del massetto è inferiore al centimetro;
  • Installabile su pavimentazioni già esistenti;
  • Consigliato per le case molto isolate.

A SECCO

Per quanto riguarda invece gli impianti a secco, il principio è lo stesso, anziché avere il massetto si hanno materiali prefabbricati certificati (pannelli in poliuretano espanso o in polietilene espanso, pannelli in fibra di legno, sughero o granulati di roccia vulcanica) spesso accoppiati ad uno strato preincollato di alluminio che ne garantisce (o aumenta) la conducibilità del calore.

  • Spessore ancora più inferiore (41mm pavimentazione compresa);
  • Tempi di riscaldamento e raffreddamento più veloci dato dall’assenza di massetto;
  • Installabile su pavimentazioni già esistenti;
  • Perfetto per lavori veloci;
  • L’assenza di massetto elimina il problema del carico della soletta.

DOMANDE FREQUENTI

Questo è un problema reale, che ormai fa parte del passato.

I primi impianti furono realizzati utilizzando tubazioni metalliche ( le tubazioni in materiale plastico non erano ancora conosciute), quindi per la difficoltà di posa non era possibile coprire in modo capillare la superficie dell’intera stanza, quindi per riuscire ad ottenere il calore in ambiente era necessario alzare la temperatura dell’acqua che circola nelle tubazioni ben oltre i 40°, portando la temperatura del pavimento superiore alla temperatura corporea, creando così problemi a chi viveva la casa.

Oggi questo problema non esiste, perché utilizzando tubazioni plastiche che garantiscono grande flessibilità, si riesce a coprire totalmente la superficie da riscaldare, potendo così ridurre la temperatura dell’acqua che circola nell’impianto al di sotto dei 40°, ottenendo una temperatura del pavimento mai oltre i 28°, eliminando così il rischio di problemi di circolazione, e ottenendo un ottimo confort in ambiente con consumi ridotti.

Se in abbinamento ad una caldaia a condensazione o ad una pompa di calore il risparmio potrebbe anche essere del 30%.

L’acqua fredda che circola nell’impianto potrebbe creare condensa sul pavimento, per questo è obbligatorio utilizzare un deumidificatore per abbassare l’umidità ed eliminare la possibilità di condensa sul pavimento.

TESTIMONIANZE

"Mi sono rivolto ad Idra per il rinnovo degli impianti sia di casa che del mio studio e insieme abbiamo scelto un impianto radiante a pavimento e devo dirmi contento della soluzione adottata per la sua attualità, la sua affidabilità e la relativa semplicità di gestione dell'impianto"
Facondo Elia
CORTE FRANCA
"Avevo bisogno di rifare l'impianto di casa e Idra mi ha proposto l'impianto a pavimento e così è stato! Grazie ragazzi, sia per la precisione nei lavori sia per la vostra competenza!"
Serlini Carlo Alberto
PROVAGLIO D'ISEO
"Dovevo ristrutturare casa e ho chiesto ad Idra per quanto riguardava l'impianto. La cosa che mi è piaciuta fin da subito è stata l'esecuzione a regola d'arte dell'impianto ma anche il buon rapporto cliente/installatore che si è instaurato ."
Belometti Giuseppe Bruno
Capriolo
"Necessitavo di una revisione totale del mio impianto a seguito di una ristrutturazione, da subito mi è piaciuta la facilità di utilizzo dell'impianto e le ottime prestazioni. Ringrazio i ragazzi per la loro professionalità e velocità. Per non parlare della loro gentilezza e disponibilità!"
Faccoli Elena
SALE MARASIONO

SCOPRI ANCHE:

IMPIANTO TRADIZIONALE
A TERMOSIFONI

IMPIANTO RADIANTE
A PARETE

IMPIANTO RADIANTE
A SOFFITTO

PER ULTERIORI DOMANDE, PER UN PREVENTIVO O PER FISSARE UN APPUNTAMENTO:​